[Terraè2012] Sporchi da morire

mer 2 maggio | ore 21.00
Teatro Benois De Cecco CODROIPO – Via XXIX Ottobre 1

mer 2 maggio | ore 21.00
Cinema Manzoni – MANIAGO – Via Regina Elena 20

gio 3 maggio | ore 21.00
Ridotto del Teatro Verdi – PORDENONE – Via Roma 3

ven 11 maggio | ore 21.00
Auditorium Meossi – UDINE – Via S.Pietro 60

Sporchi da morire
il viaggio nel mondo delle nano-particelle e delle polveri sottili

partecipazione gratuita

in collaborazione con: Cinemazero ‘Le Voci dell’inchiesta’, WWF Friuli Venezia Giulia, Spunti di Vista, Circolo Culturale Lumière

Evento facebook

(scarica la locandina vers01)
(scarica la locandina vers02)

Primafilm, distretto creativo e tecnologico indipendente, presenta una nuova grande sfida: un viaggio nel mondo delle polveri sottili, delle nano-particelle e delle possibili alternative.

Il film-documentario nasce da alcune domande.
È vero che gli inceneritori fanno male?
Perché in Italia si continuano a costruire questi impianti mentre nel resto del mondo si stanno smantellando?
Quali sono i rischi concreti per la salute?
Quali sono i danni provocati dalle micro- e nano-particelle?
Quali sono le possibili alternative?

Con queste domande in testa è iniziata la ricerca online di Carlo Martigli, un viaggio virtuale che diventa reale, video presenti in rete si alternano improvvisamente ad esclusivi reportage realizzati in varie parti del mondo.

Un film-progetto al quale hanno già aderito migliaia di persone in tutto il mondo tanto da certificarlo come il film con i titoli di coda più lunghi del mondo i quali saranno presenti, grazie ad un piccolo contatore grafico fin dai primi minuti del film.

Sporchi da morire ci farà riflettere su un problema non solo nostro ma soprattutto dei nostri figli legato alle invisibili nanoparticelle da molti indicate come il più pericoloso strumento d’inquinamento del presente e del prossimo futuro.

—–

Pnbox.tv la tivù che fai tu

Il neo ministro per l`ambiente Corrado Clini sta preparando un decreto che potrebbe comportare un decisivo passo indietro nella gestione dei rifiuti: ovvero la possibilità di bruciare i “Combustibili Solidi Secondari” non solo negli inceneritori ma anche in altri tipi di industrie. Chi ci segue da tempo sa che abbiamo già visto quanto sia deleterio per la salute entrare in contatto con i fumi e i residui di queste combustioni e proprio per tali motivi Gustavo Mazzi, medico per l`Ambiente, ci aggiorna su queste nuove complicazioni ambientali.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.