Al via l’edizione 2018 di Terraè: Noi e i Cambiamenti Climatici – comunicato stampa

Terraè - edizione 2018 - Noi e i cambiamenti climatici

La grafica della nuova edizione

Come ogni anno riparte la rassegna di Terraè – officina della sostenibilità: quest’anno, alla nona edizione, parleremo di cambiamenti climatici dal 27 aprile al 31 maggio.

Gli ospiti saranno 13, distribuiti in 10 eventi: dall’esperto meteoclimatico all’attore, dalla ricercatrice al fotografo.

Con tutti rifletteremo sugli attuali cambiamenti del clima, sulle cause e sulle azioni che noi, sia a livello istituzionale sia a livello personale, possiamo mettere in atto per contrastare gli effetti negativi e spesso catastrofici che il cambiamento climatico ha sul nostro Pianeta.

Prende dunque vita a Pordenone la rassegna di eventi (dibattiti, spettacoli, conferenze) aperti a tutti e gratuiti, dedicati alla promozione di stili di vita sostenibili.

2018 all’insegna della sostenibilità in campo climatico

L’edizione del 2018 avrà come argomento i cambiamenti climatici. Più ampiamente, si desidera discutere e facilitare la riflessione su quanto le nostre piccole azioni possano essere utili a frenare il riscaldamento del Pianeta, su quanto stiano già facendo i Governi e quanto manchi ancora da fare, su quali siano gli effetti che ci dovremo aspettare in futuro a livello locale e globale, e quali possano essere gli scenari in base alle azioni che verranno intraprese.

Il calendario della rassegna vede come primo ospite venerdì 27 aprile Antonello Pasini, che presenterà il suo ultimo libro: “Effetto serra effetto guerra. Clima, conflitti, migrazioni: l’Italia in prima linea”. Il relatore sarà accompagnato da Viviana Piccolo e Anna Pellegrino con letture e musiche suggestive.

Il 3 maggio invece Terraè propone finalmente uno SPETTACOLO: con Roberto Mercadini, monologhista, narratore e poeta romagnolo che con il suo “Noi siamo il suolo, noi siamo la Terra – Monologo per una cittadinanza planetaria” ci intratterrà in un viaggio visionario attorno al Pianeta, con dati scientifici ma spesso incredibili, il tutto nella suggestiva Chiesa dell’Ex Convento di San Francesco.

Il 7 maggio ritorna al Ridotto del Teatro Verdi il fotografo Pierpaolo Mittica con il fotoreportage Living Toxic – Racconti dai luoghi più inquinati del mondo. L’evento ci porterà a visitare alcuni dei luoghi più devastati e inquinati del nostro Pianeta, in nome del progresso, e spesso a nostra colpevole insaputa.

Gli appuntamenti proseguono giovedì 10 maggio con il professore dell’Università di Trieste Giovanni Longo, con il quale approfondiremo la questione dei trasporti: quali sono le principali logiche che stanno alla base del funzionamento del sistema dei trasporti? Quali di conseguenza possono essere i fattori per il successo di iniziative di mobilità sostenibile?

Il programma passa poi alle settimane successive, sempre il lunedì e il giovedì, dove parlaremo di Green Stations: Stazioni a servizio dei territori, con Renato Marcon e Benedetta Grizzo di Legambiente Pordenone; della produzione di cibo: da risorsa a problema? con Mauro Balboni, dell’accordo di Parigi e le azioni internazionali con la ricercatrice Elisa Calliari, degli effetti locali in atto nel Friuli Venezia Giulia dei cambiamenti climatici assieme al ricercatore Renato Colucci e a Sergio Nordio di ARPA FVG.

Torna a Pordenone Daniele Pernigotti per parlare di Energia per il futuro e concludono la rassegna la ricercatrice Elisa Palazzi e Carlo Cacciamani della Protezione Civile nazionale con l’illustrazione del riscaldamento globale rilevato in montagna e il conseguente aumento del rischio idrogeologico.

Tutti gli interventi, eccetto quelli espressamente segnalati, si terranno alle ore 20,45 in Sala Degan presso la Biblioteca Comunale in Piazza XX Settembre a Pordenone.

Questa edizione di Terraè, oltre all’immancabile patrocinio del Comune di Pordenone, è stata realizzata grazie al sostegno del Consorzio Universitario di Pordenone, la Banca di Credito Cooperativo Pordenonese, 2R Impianti. Gli eventi del 27 aprile e del 7 maggio inoltre sono stati possibili grazie al contributo di Elmas Software spa e di Favot Ambiente.

Il progetto grafico è a cura di una giovane promessa: Arianna Garlatti, mentre la parte comunicazione web è stata curata da Apertevirgolette di Francesca Poles, oltre che da tutti i soci attivi, coordinati da Maddalena Fasser.

Ringraziamo infine i Papu: Ramiro Besa e Andrea Appi per aver contribuito alla diffusione degli eventi con il loro vivace intervento.

Il materiale cartaceo è stampato su carta certificata FSC.

Tutti gli eventi, ed eventuali aggiornamenti, sono consultabili sul nostro sito www.terra-e.it  e su facebook: www.facebook.com/terrae.pn/

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Commenta